TEST / DeanEASY in gara, sulla mountain bike di "Steve Ude" - DeanEasy
Il sistema brevettato a doppia camera d'aria che garantisce alla tua mountainbike un protezione anti foratura e anti pizzicatura sicuro al 100%.
mountainbike,bicicletta,pneumatico,antiforatura,antipizzicatura,antibucatura,doppia camera d'aria
15514
single,single-post,postid-15514,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-7.4,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.2,vc_responsive

TEST / DeanEASY in gara, sulla mountain bike di “Steve Ude”

Stefano-Udeschini-featured

01 Jul TEST / DeanEASY in gara, sulla mountain bike di “Steve Ude”

Siamo riusciti ad attrezzare la bici di Stefano Udeschini con il nostro sistema DeaEASY. Ecco le sue opinioni


Stefano Udeschini (soprannominato Steve) è un biker che gli addetti ai lavori conoscono bene, ottimo agonista (attualmente 3° di categoria nel Triveneto Enduro) e tra i promotori della MTB in Paganella, con il progetto del Bike Park e il Dolomiti Paganella Bike. Già da un po’ di tempo era interessato a provare il nostro sistema, lo abbiamo accontentato in occasione della gara di Lamon a Belluno, seconda prova del Triveneto Enduro, conclusa poi al 5° posto di categoria (12° assoluto). Leggiamo le sue impressioni.

Ho avuto la fortuna di provare i DeanEASY come prima volta in gara, quindi il mio parere è proprio centrato sulla prima impressione che ho avuto in gara, non avendole potute tesare con calma su vari terreni. Infatti, non ho utilizzato pressioni troppo basse, in modo da non cambiare drasticamente l’assetto della bike proprio in gara. Parto dal presupposto che l’idea di questo sistema mi è sembrata subito geniale, infatti ho affrontato qualunque pietraia a mente libera, senza avere il pensiero di poter bucare. Sono stato “costretto” a cambiare gomma viste le condizioni meteo avverse, il sistema DeanEASY risulta facilissimo da smontare e montare, il concetto è lo stesso della camera ad aria quindi nulla di nuovo“.

Durante la gara è andato tutto liscio, mi sono pure azzardato a sgonfiare un pò le gomme ad una pressione di circa 1.8bar, quindi ancora nella norma. Ad 1.8 bar ho spesso stallonato, questa volta invece no! Finita la gara mi sono fatto qualche giretto con pressioni più basse, cercando di calcare le ruote proprio nei punti più drastici in cui normalmente il cerchio andrebbe a battere sulla pietra, il risultato è stato che all’impatto si percepisce il tubolare interno (seconda camera) che va a sbattere ” sulla pietra “difendendo” il cerchio! Le prime impressioni sono senza dubbio positive, unica accortezza, a mio parere la valvola schrader è troppo sporgente e sopratutto girata nel senso contrario di rotazione della ruota, il che rende più facile impattarla su pietre o radici“.

Grazie Steve per le prime impressioni flash! Grazie ai suoi consigli ed a quelli di altri biker, abbiamo ideato una valvola di dimensioni più ridotte rispetto all’attuale e l’abbiamo portata parallela al cerchio in modo che non sporga.



Featured press reviews

...other reviews